Azienda vitivinicola Santa Barbara, fabbrica enologica dei sogni

Cantina Santa Barbara

Azienda vitivinicola
Santa Barbara
Borgo Mazzini, 35
60010 Barbara (AN)
Tel. (0039) 071.9674249
Fax: (0039) 071.9674263
info@vinisantabarbara.it
www.santabarbara.it
Facebook

  • cantina santa barbara vini italiani

Il vino è un profumo, un sapore, un’arte che scorre nelle mie vene fin da quando ero bambino. Una vera e propria passione che è cresciuta giorno dopo giorno e che non poteva più essere relegata ai soli momenti di svago. Il mio lavoro in banca iniziava, infatti, a starmi sempre più stretto e non riusciva a soddisfare la mia curiosità, la mia energia, la mia voglia incontenibile di viaggiare e di sperimentare sempre nuove realtà. (Stefano Antonucci)

La passione, unita al rispetto della terra e alla voglia di innovare sono le basi sulle quali abbiamo deciso di improntare la nostra azienda. Ogni vendemmia è un esame importante per quanto riguarda la vita delle nostre uve e delle nostre terre. Quello che ci prefiggiamo, anno dopo anno, è migliorare lo standard qualitativo della materia prima, tenendo conto della tradizione e della storia del terreno ma applicando allo stesso tempo nuovi concetti di produzione, attraverso la pratica del diradamento e una cura maniacale della sanità delle uve. Non è però merito nostro il paesaggio che ne deriva… è il vino stesso a perfezionarne continuamente i dettagli.
Così, ogni giorno, non ci stanchiamo mai di ammirare le nostre terre e di innamorarci delle nostre uve. E’ per noi un privilegio lavorare in questi luoghi, ed è quindi per noi un dovere trasmettere l’essenza di questa terra e la qualità del nostro lavoro nelle 900.000 bottiglie che ogni anno vengono prodotte e, delle quali, ben il 50% viene esportato in tutto il mondo dall’Europa, agli Stati Uniti, al Canada, fino ad arrivare in Mexico, Brasile, Australia, Giappone, Singapore, Cina, Hong Kong e Tailandia.
Una responsabilità e una sfida che ci spinge a crescere e a migliorarci.

L’ azienda Santa Barbara si è posta fin dall’inizio della sua attività due obiettivi: il rilancio delle uve autoctone, Verdicchio e Montepulciano, e la creazione di vini di "gusto internazionale" che avessero originalità e grande personalità.
Il compito che ci si è imposti non è certamente dei più facili, ma il vino richiede coraggio unito ad una punta di incoscienza.
Le principali uve a bacca bianca, come il Verdicchio dei Castelli di Jesi, vengono coltivate con il sistema guyot, mentre per le uve a bacca rossa, come il Montepulciano, il Sangiovese, il Merlot, il Syrah e il Cabernet Sauvignon viene utilizzato il sistema a cordone speronato. Per completare ed arricchire ulteriormente la produzione sono state sperimentate nuove lavorazioni e collaborazioni dalle quali sono nate una selezione di vini dolci e distillati.

Il titolare è Stefano Antonucci, personalità eclettica e carismatica, self–made man del vino, inventore di questa realtà che, in poco tempo ha creato un forziere ricco di tesori, dal quale escono proposte originali ed entrano ogni anno premi e riconoscimenti.