BACH Brewery Agricultar Chiaraluce | Mymarca

BACH Craft Brewery Chiaraluce

B.A.CH. Craft Brewery Chiaraluce

Azienda Agricola
Chiaraluce
Viale 13 Luglio, 95
60044 Fabriano AN
Tel +39 328 271 6819 
info@birragricolachiaraluce.it
www.birragricolachiaraluce.it

  • B.A.CH. Craft Brewery Chiaraluce

The Brewery Agricultural Chiaraluce produces craft beer unfiltered, unpasteurized and fermented in the bottle. The Birragricola Chiaraluce is brewed with barley malt Italian! Barley cultivate it directly on our farm!

L’Azienda Agricola è situata a Sant’Elia, frazione in collina del comune di Fabriano, nell’entroterra marchigiano. Qui, grazie ai nonni Ivan e Giuseppa, Palmira e Pietro, e ora a mio padre Lucio coltiviamo orzo e in prevalenza colture cerealicole da oltre venti anni. Sono cinque ettari di propietà coltivati ad orzo ed altri sette destinati ad altri cereali, una casa colonica nella quale fin da piccolo con le mie sorelle Laura e Simona abbiamo visto praticare qualsiasi tipo di attività agricola: dalla produzione di vino, all’olio, ai salumi, agli ortaggi a qualsiasi cibo fatto in casa e tutto, esclusivamente per consumo familiare, per tradizione e per passione ed oggi parte di questa storia è anche il birrificio.

BIRRIFICIO AGRICOLO CHIARALUCE Ho deciso di trasformare questo groviglio di ricordi di vita agricola: dalle vendemmie a Staffolo nella cantina Coloccini Antonio, produttore di Verdicchio, al lavoro dei campi fino alla trebbiatura, all’allevamento di maiali fino alla pista in casa, attività di norcineria (non a caso Fabriano è territorio del Salame di Fabriano), alle visite al frantoio Chiaraluce di Serra San Quirico, produttori dell’Olio Chiaraluce, fino alla casa di Franchina di Grotte, frazione di Fabriano, dove si produce ricotta e partendo proprio da questi, trasformarli in una precisa attività: la produzione di orzo e di birra alla quale mi sono appassionato nei tre anni che ho impiegato a realizzare il progetto.

Per dare vita al Birrificio Agricolo ho quindi inizialmente appoggiato grazie a Rodolfo Santilocchi, Preside della Facoltà di Agraria di Ancona, Emilio Landi, presidente del marchio Birra Agricola, Fabio Giangiacomi, Presidente del C.O.B.I., persone che trasmettono vera passione, un progetto che ha portato qualche anno fa alla nascita della birra agricola nelle Marche e che è quello del Consorzio Italiano dei Produttori del malto e della Birra che oggi coinvolge agricoltori da tutta Italia e che si basa sull’esistenza di una Malteria Consortile Agricola con sede in Ancona della quale sono socio. Per la scelta della struttura dove realizzare il birrificio ho dovuto adattarmi ad alcune vicende burocratiche che mi hanno impedito di ristrutturare un fienile a S.Elia per cui ho collocato l’impianto nella città di Fabriano, zona montana, dove si riceve una buonissima acqua, direttamente dalla sorgente di Valleremita dov’è situato l’Eremo Francescano di S.Maria di Valdisasso dove il santo transitò.
Si tratta di un Impianto Velo Union 10HL con 40HL di fermentatori e zona riempimento ed etichettatura automatizzata con monoblocco con riempitrice a caduta, tappatrice ed etichettatrice AMS Ferrari di Modena, stanza coibentata per la rifermentazione in bottiglia e in fusto delle birre alte fermentazione. L’impianto Velo è forse uno degli ultimi installati proprio in coincidenza del fallimento dell’azienda veneta, fra le migliori in Europa, che lo aveva interamente realizzato e dal cui stesso fallimento ho dovuto acquistare. L’impianto è stato avviato dall’azienda Artebirraia del birraio Nicola Gabrielli e Marco Cecchet.